Partners

Albero della Nebbia, una installazione sinuosa, scenica e sensoriale

Un progetto creato ad hoc dall'arch. Simona M. Favrin

L’albero della nebbia è un’installazione che rientra nell’articolato progetto di landscaping “Natural Art Oasis” degli architetti Simona Marta Favrin – FavrinDesign e Devis Rampazzo – Studio ADR per il Camping Village Waikiki di Jesolo (VE).

 

“L’arte genera benessere”, da questo motto si apre e si sviluppa l’intero progetto, volto a creare spazi verdi e spazi blu intrisi di arte, luoghi che infondono benessere e migliorano la vita apportando benefici concreti.

 

Il progetto Natural Art Oasis nasce dalla richiesta della proprietà che cercava un vero differenziale per i suoi ospiti, che facesse loro vivere e ricordare positivamente la vacanza per la sinergia tra offerta, spazi, natura, arte e benessere diffusa nell’intera struttura.  

 

Cinque i concetti chiave che hanno guidato la progettazione del landscape: benessere fisico e mentale, rigenerazione ambientale e personale, sostenibilità ecologica ed economica, esperienza, bellezza. L’elemento che meglio unisce queste cinque parole è l’Albero della Nebbia: un’installazione artistica che si erge da una duna della “nuova laguna”, una piscina sinuosa che si estende su un’ampia superficie bianca di 500m2 dal fondale in morbida gomma. La struttura dell’albero, interamente realizzata custom made, è stata ideata e progettata dall’arch. Favrin, per conferire un suggestivo effetto scenico e sensoriale all’ambiente acquatico circostante: dagli otto rami di pari lunghezza si diffonde una leggera nebbia di vapore acqueo nebulizzato, che abbassa la temperatura percepita e rinfresca l’aria offrendo sollievo nelle giornate più afose. Al calar del sole le luci RGBW, poste alla base dell’opera, creano dei sorprendenti giochi di luce con effetti cromatici che rendono la nebulizzazione una nuvola illuminata di colori sempre nuovi.

 

La struttura dell’albero è interamente in acciaio AISI 316 verniciata a polveri, con altezza di 3,45m e larghezza dei rami di 2,08m. L’impianto nebbia è composto da 24 ugelli, divisi in tre per ogni ramo e alimentati da una pompa Fog Premium, che irrora uniformemente acqua sterilizzata da una lampada UV.

 

A completamento della parte tecnica è stato installato un anemometro, che misura la velocità del vento e sospende l’effetto nebbia in caso di condizioni meteo sfavorevoli.

 

“L’albero della nebbia nasce da due sensazioni magiche legate alla mia infanzia. – racconta l’architetto Simona M. Favrin - La nebbia che avvolge le cose smussandone i contorni e cancellando i confini dei luoghi, e un gesto che forse tutti, almeno una volta nella vita, abbiamo compiuto: soffiare sulla sfera piumosa e leggera del soffione e guardare volare nell’aria i suoi semi, magari nella speranza che si realizzasse un desiderio. 

“Ogni respiro è una seconda possibilità”.

Un gesto semplice, ma così potente da ricondurci in un attimo alla sensazione di spensieratezza e di gioia che caratterizza l’infanzia. Con un salto di scala, il soffione di Taraxacum officinale si trasforma in un grande albero tecnologico in acciaio, dotato di ugelli nebbia che diffondono nell’ambiente acqua nebulizzata ad alta pressione. Quasi un organismo vivente, immaginato come il generatore della nebbia che, nei giorni delle stagioni di mezzo, avvolge le terre umide della pineta in un soffice manto d’ovatta.”

Unisciti a noi! Sei interessato e vuoi trovare la soluzione più adatta alle tue esigenze?

CONTATTACI